La Resina epossidica per legno o la resina offre più possibilità di qualsiasi altro materiale. In combinazione con il legno è possibile realizzare un’ampia gamma di interessanti possibilità di design: Legno rivestito con resina epossidica come strato protettivo, legno colato in resina, tavoli in legno combinati con resina e molto altro ancora è possibile. Qui vi mostriamo le possibilità di combinare resina e legno e vi diamo istruzioni concrete, idee e consigli.

 

 

 

Diverse proprietà dei prodotti in resina

La resina epossidica o resina è un materiale bicomponente che polimerizza in poche ore quando viene miscelato insieme e può quindi essere tagliato, rettificato e lucidato. A differenza delle resine poliestere e delle resine poliuretaniche, la resina epossidica si restringe molto meno durante l’indurimento. Tutti gli altri prodotti possono quindi staccarsi dal legno per contrazione dopo poche ore o giorni e quindi non sono adatti. Ci sono prodotti per diversi campi di applicazione e qui è importante scegliere il prodotto giusto

Consistenze di resina per legno

    • Resine epossidiche a bassa viscosità per strati di rivestimento
    • Resine epossidiche viscose per modellare o colare immagini di tipo resin art

 

Protezione UV / Resistenza all’ingiallimento

Le resine reagiscono in mododiverso alle radiazioni UV. La resina viene solitamente offerta in forma chiara e tende ad essere gialla alla luce del sole e non più completamente trasparente. Sono quindi disponibili speciali resine epossidiche stabili ai raggi UV per uso esterno, garantite resistenti all’ingiallimento. Gli additivi di protezione UV possono anche essere aggiunti parzialmente per ridurre il più possibile l’ingiallimento. Se colorate la vostra resina, la protezione UV non è necessaria, a seconda del colore.

 

Durezza superficiale

Dopo l’indurimento della massa ci sono grandi differenze. Alcuni prodotti sono piuttosto morbidi dopo l’indurimento, altri prodotti sono persino resistenti ai graffi e sono molto più resistenti alla temperatura. Per gli articoli di utilità come assi da cucina, piani di tavoli e altri articoli che sono esposti a maggiori sollecitazioni meccaniche, vale la pena acquistare una resina di qualità superiore.

Suggerimento: Assicuratevi di rispettare esattamente il rapporto di miscelazione specificato in modo che la resina si indurisca bene.

 

 

Raccomandato per resina epossidica legno

Con i seguenti prodotti professionali non vi sbagliate e ottenete buoni risultati garantiti. Si caratterizzano per un ridotto restringimento, buona scorrevolezza e buona compatibilità:

 

ResinPro Resina epossidica trasparente

ResinPro è una resina epossidica di altissima qualità, sviluppata per l’uso nel campo dell’arte. In questo modo non si producono vapori di composti organici volatili quando si utilizza ResinPro e dopo l’essiccazione la superficie è a prova di cibo. ResinPro contiene un filtro UV che protegge l’opera d’arte dall’ingiallimento. La superficie è molto lucida dopo l’essiccazione.

 

Resin4Decor

Resin4Decor offre un tipo di resina che non ha evaporazione e integra una protezione contro l’ingiallimento. E ‘anche inodore e molto piacevole da usare.

 

Master Cast 1-2-1 Resina Epossidica Art grade

MasterCast è una resina di altissima qualità, che contiene un’ottima protezione contro l’ingiallimento. E’ ideale per le tecniche di resin art. MasterCast è certificato come atossico e non contiene solventi o diluenti. MasterCast è ideale per resin art e per rivestire le immagini acriliche con resina. Il tempo di lavorazione è di circa 25-30 minuti, MasterCast viene vulcanizzato entro 6-8 ore.

 

I prodotti a basso costo sono particolarmente adatti per la colorazione e per uso interno. I seguenti prodotti ci hanno convinto:

 

 

 

Resina epossidica per legno: La lista dei materiali

Per utilizzare la resina epossidica con o su legno le seguenti cose sono necessarie:

 

 

 

Passo 1: La preparazione del legno

Il legno deve essere preparato prima del rivestimento o per l’inserimento in resina epossidica:

  • Levigato
  • Sgrassato
  • Non pretrattato con olio
  • Niente capelli / Fusoliera o pezzi sfusi di corteccia

I pezzi piccoli possono essere levigati a mano, per superfici più grandi come un tavolo in legno si consiglia di utilizzare una Levigatrice Rotoorbitale per evitare segni di levigatura.

Suggerimento: Prima della colata, controllate con una livella a bolla d’aria se la superficie di legno è giusta. A causa delle proprietà di scorrimento, altrimenti la resina epossidica scorre in un solo punto e non si diffonde come desiderato.

 

 

Passo 2: Miscelazione della resina per legno

I due componenti (resina e catalizzatore) devono essere miscelati insieme in un unico contenitore. E ‘molto importante che il tutto venga miscelato molto bene per diversi minuti. Questo è l’unico modo per garantire che il processo di polimerizzazione sia quello desiderato. Alla fine deve essere un liquido omogeneo senza striature. Solo così è possibile aggiungere colore.

Si raccomanda di indossare Guanti al Nitrile per evitare il contatto con il liquido.

Il rapporto di miscelazione si può desumere dalla confezione. Ci sono tre diversi sistemi sul mercato: un rapporto 1:1, un rapporto 2:1 e un rapporto 4:1. La resina epossidica viene solitamente venduta in una confezione composta da resina e indurente, la cui quantità è esattamente abbinata tra loro.

La miscelazione funziona al meglio con un bastoncino di plastica o di legno. Assicuratevi di mescolare accuratamente per ridurre al minimo le bolle d’aria.

Ora siete pronti e potete applicare, versare o riempire la miscela di resina.

 

 

 

Applicazione 1: Sigillatura del legno

La resina epossidica trasparente é perfetta per sigillare il legno e renderlo impermeabile. Come esempio di applicazione, i piani dei tavoli possono essere sigillati con esso, assi di legno in cucina o mobili. Ma anche i piani di lavoro delle cucine, i pavimenti in legno o qualsiasi altra applicazione è possibile. Vedete, le possibilità di applicazione sono quasi illimitate.

 

Istruzione della sigillatura del legno

Dopo aver preparato la superficie del legno come nel punto 1 e dopo aver mescolato la miscela di resina, si può già iniziare. La più grande sfida sta nella scorrevolezza del materiale: finché non si è indurito, scorre dove può.

  • Quindi, se si vuole realizzare un tavolo in resina epossidica, è necessario incollare i bordi in modo che la resina non passi sopra i bordi e goccioli sul pavimento.
  • Versate l’epossidico sulla superficie di legno e distribuitelo su tutta la superficie con una spatola. Se si calcola la quantità richiesta correttamente, viene creata un’area completamente coperta, che si livella automaticamente grazie alle proprietà del flusso.
  • È possibile rimuovere le bolle d’aria con un essiccatore ad aria calda o un bruciatore Bunsen.
  • Non appena si nota che il liquido diventa più spesso, è necessario interrompere il lavoro, altrimenti non si ottiene più una superficie omogenea.
  • Prima di avventurarsi in oggetti e superfici di grandi dimensioni, è consigliabile esercitarsi con un provino. Questo vi darà una certa percezione dei processi e della gestione. Anche il fattore tempo non deve essere ignorato, perché si ha solo una mezz’ora al massimo per sigillare l’intera superficie del legno.

 

 

 

Applicazione 2: Riempimento e riparazione di resina trasparente per legno

I pezzi di legno vecchio disgregato, le tavole mangiate dai tarli o i legni nodoso con inclusioni non sono di solito interessanti per i falegnami. Per uso artistico di riempire il legno con resina, tuttavia, è perfetto.

epoxidharz holz füllen

 

Istruzioni per il riempimento e la riparazione del legno

Se avete una tavola dove volete riempire i fori e le inclusioni di resina, controllate prima che il foro non sia continuo e che la resina possa fuoriuscire dal fondo. Per evitare ciò, è possibile sigillare i fori con un nastro adesivo di alta qualità o utilizzare silicone sanitario, che può essere facilmente rimosso in seguito.

Ora potete riempire i fori con la vostra miscela di resina. Qui vale la pena di colorare la resina per ottenere un contrasto tra i colori del legno e le zone riempite. Anche i colori insoliti che brillano di notte o sotto la luce nera sono possibilità interessanti.

Dopo l’indurimento è necessario levigare la superficie.

 

 

Applicazione 3: Versare il legno in resina (Resin Casting)

I bellissimi pezzi di legno possono essere completamente fusi in resina. I pezzi di legno a venature vivaci o pezzi di legno pregiato di radica sono l’ideale per questo scopo. Si possono realizzare, ad esempio, dei gioielli epossidici, utilizzare il pezzo per la tornitura o semplicemente creare un pezzo decorativo.

 

Istruzioni su come versare il legno nella resina

 

Ci sono due modi per farlo:

  • È possibile utilizzare uno stampo in silicone. Sono disponibili stampi speciali in silicone di tutte le dimensioni e forme per la colata con resina epossidica. Mettete il pezzo di legno nello stampo in silicone come desiderato e poi versate la resina epossidica nello stampo. A seconda delle dimensioni dello stampo, dovrete lanciare diversi strati in modo che la resina non diventi troppo calda. Dopo l’indurimento, si mette con cura lo stampo in silicone sopra il pezzo fuso e lo si può utilizzare più volte.

 

 

holz epoxidharz

 

 

Colorazione della resina per creare contrasti con il legno

La resina può essere utilizzata sia trasparente che colorata molto bene. Ci sono molte possibilità, dai colori trasparenti, agli effetti metallici, ai colori liquidi opachi. Le normali vernici acriliche non sono adatte perché contengono acqua. I seguenti colori possono essere miscelati in tutte le resine epossidiche.

 

Colori liquidi

 

 

 

Pigmenti e polveri di colore

 

 

 

Lavori di levigatura dopo l’indurimento

Per essere sicuri, si consiglia di attendere circa una settimana prima di carteggiare e lucidare la superficie della resina. La resina che si suppone polimerizzata può essere ancora leggermente tenace sotto la superficie e altrimenti non avrete una bella superficie.

A seconda delle dimensioni dell’oggetto o della superficie, è possibile utilizzare grani di carta vetrata fine per piccoli oggetti. La Carta Abrasiva, che può essere utilizzata sia per la levigatura a secco che a umido, ha dato buoni risultati. Si noti che si dovrebbe levigare dalla grana grossa alla grana fine in modo che non siano visibili tracce di levigatura.

Per le aree più grandi come tavoli, pavimenti, rivestimenti per bancone, ecc. si consiglia di utilizzare una Lucidatrice per ottenere il miglior risultato possibile. Questo non solo ruota, ma la vibrazione vi dà un modello di levigatura molto più fine. Inoltre, la carteggiatura viene effettuata in una frazione del tempo e in alcuni punti è molto meno probabile che in alcuni punti sia più facile carteggiare.

 

 

L’ultimo passo – lucidare, oliare o verniciare la vostra opera d’arte

holz versiegeln epoxidharz

La resina trasparente non richiede necessariamente un trattamento superficiale. Tuttavia, il legno adiacente è ancora grezzo e non trattato, a seconda dell’applicazione scelta. Inoltre, la resina epossidica può ancora contenere segni di macinazione fine e l’effetto di profondità non è ancora ottimale. Qui è possibile applicare i seguenti fasi di lavoro:

  • Prendete della Pasta per lucidatura su un panno e strofinatela con movimenti circolari sulla resina epossidica. Ciò consente di lucidare la superficie ed eliminare qualsiasi traccia di macinazione sulla superficie della resina. Fate attenzione a non stendere la pasta lucidante sul legno, altrimenti i pori del legno potrebbero intasarsi. Per superfici più grandi si consiglia l’uso di una lucidatrice .
  • Pulite accuratamente la pasta lucidante fino a quando non ci sono più residui. La superficie ora dovrebbe brillare magnificamente.
  • Se non siete ancora soddisfatti, eseguite nuovamente il primo passo.
  • Ora il legno ha bisogno di un trattamento finale. Anche la resina epossidica può sopportare una finitura. Utilizzate un Olio per Legno, che si applica generosamente con un panno su tutta la superficie, lasciate agire per qualche minuto e poi asciugate. È anche possibile utilizzare una vernice. Qui, tuttavia, ci sono necessari ulteriori passi intermedi e un’ulteriore lucidatura alla fine.

 

Please activate JavaScript to view this video.
Video-Link: https://www.youtube.com/watch?v=W8Fzmt8Mki4

 

 

 

Sfide dell’elaborazione – consigli e trucchi

Lavorare con resine epossidiche da colata ha le sue insidie. Abbiamo elencato i problemi più grandi e vi diremo come evitarli o risolverli.

 

La resina epossidica si attacca al legno?

Sì, la resina si attacca generalmente su quasi tutte le superfici. Più sottile è la resina, più facile è la penetrazione nei pori del legno e migliore è l’adesione. Una resina epossidica più viscosa forma uno strato piuttosto che essere assorbita.

 

La resina epossidica si restringe troppo.

Soprattutto con resine molto economiche, può accadere che la resina si ritiri durante l’indurimento e quindi si possono verificare distacchi o fratture in superficie. Qui c’è solo un consiglio: Conviene innanzitutto testare il comportamento della resina su un provino e, se necessario, comprare un altro prodotto di qualità superiore.

 

La resina trasparente affonda nel legno

Soprattutto con superfici porose come il legno, è molto importante sigillare preventivamente la superficie. Qui non è necessario un prodotto separato, ma si può semplicemente applicare un sottile strato di resina sulla superficie del legno e lasciarlo indurire. Così avete preparato perfettamente il legno per il trattamento superficiale vero e proprio.

 

Molte bolle nella resina colata

Le bolle d’aria si formano quando i due componenti della resina vengono accuratamente miscelati. Questo non può essere evitato. Ma le bolle d’aria possono essere rimosse dal materiale senza problemi: Dopo il processo di fusione si può semplicemente manovrare un bruciatore Bunsen o un essiccatore ad aria calda in rapidi movimenti sulla superficie e le bolle salgono e scompaiono. È inoltre possibile eliminare le bolle d’aria ostinati con uno stuzzicadenti. Anche i capelli o la polvere possono essere rimossi in questo modo. Tuttavia, è importante che la superficie sia ancora liquida e che si livella nuovamente.

Consiglio: Conviene che non si rimanga in un posto con la fonte di calore per troppo tempo, altrimenti la resina potrebbe scolorirsi e liquefarsi di nuovo. Questo può portare a punti poco attraenti.

 

 

La temperatura di lavorazione ottimale

L’ideale sarebbe lavorare il materiale a circa 20 gradi Celsius con un’umidità più bassa possibile. In questo modo si ottengono i migliori risultati senza perdita di qualità. Fino al termine dell’indurimento, la temperatura ambiente deve essere costante per evitare incrinature o irregolarità. Qui si raccomanda di leggere i dati del rispettivo produttore, poiché esistono diversi sistemi.

 

La resina diventa estremamente calda durante la colata

A seconda della resina utilizzata, lo spessore consigliato per strato applicato è di circa 1 cm – 2 cm. La resina può iniziare a bollire se si vogliono lanciare strati troppo spessi. Pertanto, si procede in modo da versare strati più sottili e attendere che si siano induriti. Poi si versa un altro strato e così via. In questo modo si ottiene lo spessore desiderato della superficie.

 

La resina epossidica indurisce troppo velocemente.

Le diverse resine hanno tempi di polimerizzazione diversi. Inoltre, si applica il principio che più veloce è il processo di polimerizzazione, maggiore è la quantità di prodotto miscelato. Potrebbe quindi essere utile dividere la massa ed evitare così una polimerizzazione prematura.

 

Aspetto nuvoloso dopo l’indurimento


Ciò può essere dovuto alle seguenti tre ragioni:

  • La resina epossidica trasparente é già troppo vecchia e ha superato la sua durata.
  • Non avete seguito esattamente il rapporto di miscelazione indicato.
  • State usando una resina inferiore.

 

epoxidharz holz

 

Prevenzione dell’ingiallimento

Affinché la resina epossidica trasparente o cristallina mantenga la sua brillantezza e trasparenza, è necessario acquistare una resina speciale con protezione ingiallente. La resina colorata non richiede necessariamente una protezione ingiallente.

 

Stoccaggio di resina epossidica

La resina epossidica non miscelata ha una durata di conservazione relativamente breve di circa 12 mesi dalla produzione. È quindi importante prestare attenzione a questo aspetto al momento dell’acquisto e lavorare il materiale entro la durata di conservazione. Per evitare perdite di qualità dovute allo stoccaggio, è necessario mantenere una temperatura di circa 10-30 gradi.

 

La resina epossidica indurita è sicura dal punto di vista alimentare?

La resina epossidica trasparente, una volta indurita, è chimicamente neutra e quindi fondamentalmente adatta al contatto con gli alimenti. Non a caso questo materiale viene utilizzato anche per protesi, decorazioni di acquari, vasche per alimenti, rivestimenti per coperture per cucine e molto altro ancora. Tuttavia, si consiglia di leggere attentamente. Ciò può variare a seconda del produttore e del sistema. C’è una certificazione per l’approvazione con gli alimenti, tuttavia, questo è costoso e viene utilizzato solo da pochi produttori.

 

 

Calcolo della quantità richiesta di resina epossidica – il calcolatore epossidico di acrylgiessen

Poiché la resina è relativamente costosa e poiché la resina mista deve essere lavorata immediatamente, è ancora più importante miscelare la quantità ottimale. A questo scopo, noi di acrylgiessen.com abbiamo creato un calcolatore di resina epossidica, che calcola la quantità di resina necessaria per l’area desiderata.

 

 

 

Consigli sanitari per la lavorazione della resina

Anche se i produttori di resina epossidica non lo affermano esplicitamente, è consigliabile utilizzare questi prodotti solo in ambienti ben ventilati. Si raccomanda inoltre di indossare sempre una maschera respiratoria con un filtro appropriato e di utilizzare guanti di nitrile in modo da non venire a contatto con il materiale potenzialmente allergenico.

 

 

 

Altri articoli interessanti sulla resina / resina epossidica

Cercate istruzioni sulla tecnologia delle resine / resine epossidiche?

 

 

 

Fonte dell’immagine di copertina: © chonticha – stock.adobe.com


Ti è piaciuto questo post? Allora siamo lieti della sua valutazione.